SanDisk extreme ssd Portable: tanto spazio in poco spazio

AccessoriFotografia

Recentemente ho acquistato RavPowerFileHub per permettere il backup della scheda SD della mia mirrorless o della Go Pro in modo indolore quando, in viaggio, desideri fare un backup delle foto della giornata o mi ritrovi a corto di memoria libera (possiedo un’unica SD Card).

A ruota ho poi deciso di acquistare il SanDisk Extreme Pro da 1TB al prezzo (ottimo) di 150€ circa. Su Amazon.it lo stesso modello con la stessa capacità – al tempo dell’acquisto – stava qualche decina di euro sopra.

Il perché abbia deciso questa formula (fileHubWifi + SSD) rispetto – esempio – all’all-in-one WD Wireless My Passoport SD è semplice: non volevo un unico dispositivo che svolgesse un’unica funzione ma volevo qualcosa di più flessibile. E il RavPower mi permette di collegare SD, HDD, SSD in momenti diversi ed accedere ai file via wifi senza la seccatura di dover cercare adattatori o cavi.

Portatile, forse un po’ troppo

Quando a SanDisk hanno deciso di creare un supporto tanto piccolo, forse hanno esagerato: è davvero piccolissimo. Siamo a livelli di una carta di credito. Con l’occhiello sarebbe possibile pure inserirlo all’interno di un portachiavi, per portarlo sempre appresso.

Le sue dimensioni sono 9.6cm x 4.9cm x 0.8cm per un peso di 39gr. Sembra resistente ma al tatto da la sensazione di “guscio vuoto”, compromesso forse necessario considerata la certificazione IP55 che dovrebbe conferirgli resistenza alla polvere ed ai getti d’acqua.

L’ambia capacità di carico e la velocità di trasferimento sono il suo punto forte e – associato al RavPower Filehub, permette backup rapidi ed indolori delle proprie schede.

Molto avveniristico (e gradito) è il cavo fornito con esso – type C – type C che all’occorrenza può diventare type A mediante adattatore fornito nella confezione.

Non ho apprezzato invece il guscio di protezione che alla manipolazione appare instabile, scricchiolante, come se l’interno fosse vuoto. E – di fatto – lo è, ad eccezione della memoria di storage, per ridurre ulteriormente il peso.

In Viaggio

Non mancherà occasione di provarlo presto in viaggio in quanto ho in programma a fine Settembre un viaggio di 12 notti nel Caucaso del Sud e son sicuro non deluderà.
Dimensioni, capienza e velocità sono i suoi punti forti.

Non ho apprezzato tuttavia il cavo fornito in dotazione, ed il suo adattatore, entrambi a rischio di smarrimento.

Ho acquistato su Aliexpress una custodia doppio-vano per alloggiare sia l’SSD sia il suo cavo; non contento, però, ho preso anche una custodia per HDD da 2.5″ al cui interno riporre il SanDisk, il cavo ma anche l’ormai famoso RavPower Filehub in modo da avere un unico elemento da trasportare durante gli spostamenti.

Nella foto la cover è quella “su misura” per il trasporto di tutti i giorni.

Se questo post ti è piaciuto, non perdiamoci di vista!

Seguimi su Instagram o su Telegram!